Progetto COsTA, al via il bando: 1,3 milioni di euro per un turismo senza barriere

6' di lettura 15/01/2024 - Fare rete tra operatori turistici, enti del terzo settore ed enti pubblici (a partire dai Comuni) per valorizzare ancora di più le bellezze della regione Puglia e renderle accessibili a tutti, indipendentemente dall’età, mobilità o capacità.

Questo l’obiettivo di Regione Puglia e l’Agenzia Regionale del Turismo Pugliapromozione, che avviano, con la pubblicazione di un avviso pubblico nei prossimi giorni, il percorso di attuazione del Progetto C.Os.T.A, puntando a finanziare con 1,3 milioni di euro di risorse pubbliche progetti di Rete pilota che disegnino, lungo tutta la regione, Comunità accessibili e un nuovo modo di fare le vacanze in Puglia, senza barriere. A partire dal mare, per arrivare ai borghi e alle aree dell’entroterra.

È quanto emerso durante una conferenza stampa che si è tenuta oggi a Bari, nello spazio Murat, e a cui hanno partecipato, tra gli altri, gli assessori al Turismo e al Welfare della Regione Puglia, Gianfranco Lopane e Rosa Barone, promotori dell’iniziativa.

Ad essere finanziati saranno progetti sperimentali per una Puglia sempre più inclusiva, che interessano una platea potenzialmente ampissima. Basti pensare, ad esempio, che il 15% della popolazione mondiale, ovvero circa 1 miliardo di persone, ha qualche tipo di disabilità: in Europa sono 130 milioni (10 milioni solo in Italia) e di questi circa 50 milioni sono viaggiatori assidui, che prediligono il mare. A tutti loro, e a tante altre categorie di persone, dagli anziani ai genitori con figli piccoli, si indirizza il progetto di Regione Puglia e Pugliapromozione.

Il commento del presidente Emiliano

“Attraverso il progetto C.Os.T.A - ha dichiarato il presidente Michele Emiliano - la Regione Puglia e Pugliapromozione finanzieranno servizi e attività sperimentali per realizzare e potenziare sistemi integrati di accoglienza turistica accessibile, a beneficio di residenti e turisti, affinché tutti possano godere pienamente della bellezza del nostro territorio a prescindere dall’età, dalle capacità motorie e dalle altre caratteristiche personali. Siamo decisi a rimuovere gli ostacoli che, comprimendo i diritti di cittadinanza, limitano di fatto la felicità delle persone. Il valore aggiunto del progetto, realizzato con il contributo del Ministero per le Disabilità, sta nella metodologia cooperativa: enti locali, Terzo Settore e imprese del territorio saranno chiamati a co-progettare servizi e attività accessibili, inaugurando un approccio di rete che ci auguriamo diventi strutturale. Il coinvolgimento lavorativo di persone con disabilità nei progetti che saranno attivati è un altro aspetto qualificante dell’iniziativa, che segna un altro passo in avanti nella costruzione di una Puglia sempre più accogliente e inclusiva”.

Il bando

Con l’avviso pubblico, nell’ambito delle azioni previste dal progetto C.Os.T.A., la Regione Puglia e Pugliapromozione puntano a selezionare e finanziare Progetti di Rete, per dare vita a Comunità Turistiche Ospitali, attraverso il potenziamento e la realizzazione di servizi e attività inclusive e accessibili, rivolti alle persone con disabilità e non solo.

I progetti che saranno selezionati dovranno insistere prevalentemente sulle zone costiere del territorio pugliese, anche inter-provinciali, ed essere proposti da una rete che abbia al suo interno operatori del settore turistico, almeno un’amministrazione locale in ambito costiero o altro ente pubblico, e un ente del Terzo settore (che farà da soggetto capofila).

Gli obiettivi

I Progetti di Rete realizzeranno un sistema integrato di accoglienza accessibile e dovranno: realizzare servizi turistici per la fruizione e la mobilità accessibili, nonché acquisto di materiali, infrastrutture leggere (per esempio segnaletica), strumenti tecnologici per le attività di ospitalità, escursionismo e visite guidate alla portata di tutti (e dunque accessibili ad esempio anche con la sedia a rotelle, o con un passeggino); predisporre e organizzare pacchetti turistici integrati con servizi turistici ad hoc per persone disabili; comunicare e divulgare tutte le attività promosse; organizzare e produrre servizi socio-educativi a supporto dell'utenza e della offerta turistica.

Gli stessi Progetti di Rete dovranno inoltre attivare percorsi di formazione e accompagnamento, che comprendano anche tirocini, per favorire anche l’inclusione e il coinvolgimento lavorativo delle persone con disabilità nelle attività di ideazione della esperienza turistica accessibile.

L’attuazione di ogni Progetto di Rete definirà una Comunità turistica accessibile, che sarà oggetto di un Patto Territoriale tra gli Enti Pubblici coinvolti (ad esempio i Comuni) e gli Operatori della Rete e che sarà dotata di un programma di ospitalità composto da servizi di base (alloggi, ristorazione, trasporto) e da una serie di ulteriori servizi ed esperienze funzionali al turismo balneare.

Le risorse

Le risorse a disposizione per finanziare i progetti pilota sono pari a 1.314.000,00 euro e si riferiscono ad un periodo di attività eseguibili fino a ottobre 2024. Il contributo massimo stimato ed erogabile per ciascuno dei Progetti di Rete che risulteranno idonei sarà pari a 219.000,00 euro, corrispondente al valore delle spese ammesse ed effettivamente sostenute.

Il commento degli assessori

“Sono molto felice di partecipare oggi alla presentazione dell’Avviso con cui verranno finanziati attraverso risorse del Ministero della disabilità progetti sperimentali finalizzati alla creazione di comunità accessibili affinché la nostra amata Puglia diventi sempre più inclusiva. Come istituzioni siamo chiamati per dovere morale ancor prima che istituzionale a dare vita ad iniziative come questa che abbraccia una platea vastissima, dalle persone disabili a cui è rivolta la nostra particolare attenzione, passando per i genitori con figli piccoli fino ad arrivare agli anziani. Vogliamo che tutti abbiano la possibilità di apprezzare e vivere le bellezze che la nostra meravigliosa Regione presenta e offre, valorizzandole attraverso il contributo di tutte le parti chiamate in causa, mettendole a disposizione dei nostri concittadini non solo nei mesi estivi ed insistendo maggiormente sulle zone costiere del territorio pugliese, anche inter-provinciali. Ringrazio l’assessore Lopane che ha immediatamente accolto la nostra proposta di collaborazione con cui abbiamo lavorato in grande sinergia per questa iniziativa ribadendo che il lavoro congiunto e integrato resta alla base del nostro operato quotidiano così come espresso nel V Piano Regionale delle Politiche Sociali”. Lo ha detto l'assessora al Welfare, Rosa Barone.

“Apriamo il 2024 con una progettualità rivolta all’inclusione e al turismo accessibile, alle persone con disabilità per cui vogliamo costruire opportunità nella cornice di una strategia turistica regionale che pone al centro la sostenibilità, nelle sue varie declinazioni, accanto alla felicità per residenti e concittadini temporanei – dichiara Gianfranco Lopane, assessore a Turismo, Sviluppo e impresa turistica della Regione Puglia –. L’obiettivo principale è rendere la Puglia, attraverso servizi ed esperienze, una terra di ospitalità totale, riconoscibile in Italia e nel mondo, ma anche un esempio di buone pratiche di condivisione tra operatori pubblici e privati. L’avviso che presentiamo oggi relativo al progetto C.Os.T.A segue questi capisaldi ed è il frutto di un importante lavoro di squadra interassessorile, tra welfare e turismo, che vede l’impegno di 1,3 milioni di euro per la creazione di comunità aperte e solidali che connettano costa ed entroterra promuovendo un approccio alle vacanze senza barriere. Tracciamo ponti per garantire a tutti il diritto alla felicità. Ringrazio la collega Rosa Barone per la collaborazione e l’Aret Pugliapromozione per il coordinamento”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-01-2024 alle 21:07 sul giornale del 16 gennaio 2024 - 64 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione puglia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eKVg





qrcode